Il Priorato dell’Albero delle Arance. Recensione

Scritto da Antonio Agostinacchio

21 Mag, 2020

Cover-Il-Priorato

Instagram

Telegram

TikTok

Il mio voto

(3.5/5)

Il Priorato dell’Albero delle Arance, Trama

La casata di Berethnet ha regnato sul Reginato di Inys per mille anni. Ora però sembra destinata a estinguersi: la regina Sabran Nona non si è ancora sposata, ma per proteggere il reame dovrà dare alla luce una figlia, un’erede. I tempi sono difficili, gli assassini si nascondono nell’ombra e i tagliagole inviati a ucciderla da misteriosi nemici si fanno sempre più vicini. A vegliare segretamente su Sabran c’è però Ead Duryan: non appartiene all’ambiente della corte e, anche se è stata istruita per diventare una perfetta dama di compagnia, è in realtà l’adepta di una società segreta e, grazie ai suoi incantesimi, protegge la sovrana. Ma la magia è ufficialmente proibita a Inys.

Al di là dell’Abisso, in Oriente, Tané studia per diventare cavaliere di draghi sin da quando era bambina. Ma ora si trova a dover compiere una scelta che potrebbe cambiare per sempre la sua vita. In tutto ciò, mentre Oriente e Occidente, da tempo divisi, si ostinano a rifiutare un negoziato, le forze del caos si risvegliano dal loro lungo sonno.

«Sono passati mille anni da quando il Senza Nome è stato confinato nelle profondità dell’Abisso. Ma ormai il suo risveglio è vicino, i Wyrm si sono destati e i Grandi dell’Ovest hanno fatto la loro comparsa. In un mondo i cui Oriente e Occidente si accusano di eresia e in cui il credo stesso delle religioni verrà messo in discussione, gli uomini si devono rivelare più forti del previsto per sopravvivere al fuoco che verrà.»

Dopo le recensioni sui primi tre volumi della saga de L’Attraversaspecchi, eccoci di nuovo con un’altra recensione. Il libro di cui parleremo oggi è Il Priorato dell’Albero delle Arance di Samantha Shannon. High Fantasy auto-conclusivo, edito in Italia dalla Oscar Vault a cui vanno i miei più sinceri complimenti, che sfiora le 800 pagine e su cui Jay Kristoff, tra l’altro autore di Nevernight, dice: «Giove onnipotente! Questo libro è fantastico.». Forse non con lo stesso entusiasmo, anche io mi sento di considerare questo un libro piuttosto buono, con una storia elaborata e ricca e che attinge a piene mani, come dice la stessa Shannon nelle note, ai miti sepolti nelle religioni del presente e del passato.

Infatti, proprio sulle leggende getta le fondamenta la struttura stessa del mondo ideato dall’autrice. Per quanto sia un High Fantasy, non troveremo delle religioni basate su divinità ancestrali o personificazioni della natura stessa, bensì su credi alla cui base c’è l’idolatria verso, o figure storiche esistite nel mondo fantastico o i Draghi dell’Est.

C’è un grande richiamo a Il Signore degli Anelli, per quanto riguarda il forte dualismo tra bene e male, qui figurato rispettivamente dai Draghi dell’Est, immaginati dalla Shannon col corpo serpentino, senza ali e acquatici e i temibili Wyrm, quelli ben più comuni, sputafuoco e alati.

Nell’opera ha una posizione di primo piano la figura della donna che è certamente più preponderante di quella dell’uomo. Ci ritroveremo davanti personaggi femminili forti, ognuno a suo modo, capaci di affrontare ciò che la vita ha in serbo per loro. Entreremo a contatto con diverse sfumature di donne: dalle reggenti alle guerriere, dalle maghe alle corsare, passando per nobili e medici. Anche la sessualità verrà affrontata a 360°, attraverso relazioni omosessuali ed eterosessuali, con le prime più al centro delle vicende.

La storia si dipanerà attraverso quattro punti di vista e un continuo spostamento tra Oriente e Occidente. Prenderemo le veci di due donne: Ead Duryan e Tanè e di due uomini: Arteloth “Loth” Beck e il vecchio alchimista Niclays Roos. I capitoli saranno divisi non per personaggio, bensì per posizione geografica (Oriente, Occidente, Meridione e via discorrendo).

Riguardo al romanzo ho un parere generale piuttosto positivo, anche se, personalmente parlando, solo in alcuni punti mi sono sentito davvero eccitato per ciò che stavo leggendo. Ma andiamo con ordine.

Personaggi

Credo siano tutti caratterizzati davvero molto bene, dai principali fino ai secondari. Ognuno ha una propria voce e proprie caratteristiche ben definite che ti spingono ad affezionarti. Se proprio devo trovare una nota negativa, dico che ho trovato sotto certi aspetti Ead e Tanè un po’ troppo simili.

Ambientazione

Il mondo creato dalla Shannon è fantastico, vivo e non parlo solo delle descrizioni ben accurate che ti fanno immergere nelle città, nel deserto, nei mari e nelle foreste, ma proprio a livello di vita. Il mondo va avanti autonomamente al di là dei personaggi principali. Mentre i nostri eroi si muovono, intorno tutto muta in un vortice continuo che li spinge a prendere decisioni fino a quel momento inaspettate. Anche gli intrighi di corte sono ben pensati ed elaborati, cosa mai scontata e banale.

Intreccio e Trama

Mi è piaciuta, anche se forse c’è del potenziale non espresso al 100%. Per quanto il Senza Nome sia un nemico alla Sauron, tacciato come il male assoluto che vuole distruggere il mondo senza un motivo ben preciso, è tutto il contorno a renderla un’opera davvero avvincente. Le leggende che ci sono dentro, il passato che si mescola con il presente. Sebbene i colpi di scena, personalmente, non mi hanno fatto sobbalzare più di tanto dalla sedia e non per la loro banalità, perché banali non sono.

Per concludere, è un romanzo piacevole, che potete leggerlo se non state cercando il capolavoro. Forse all’inizio vi troverete un po’ spaesati nel seguire tutti i punti di vista, ma è questione di familiarizzare col racconto. Avrei preferito che alcune parti del romanzo fossero state approfondite di più, specialmente per quanto riguarda la figura di Tanè in un dato preciso della sua storia. Se fosse stata trattata un po’ meglio, credo avrebbe avuto un impatto più forte sul lettore, anche perché, sulle prime pagine era proprio lei il personaggio che più apprezzavo.

Potrebbe interessarti anche…

La repubblica dei ladri. Recensione Vol. 3 dei Bastardi Galantuomini

La repubblica dei ladri. Recensione Vol. 3 dei Bastardi Galantuomini

Doveva essere il colpo più clamoroso della loro carriera, invece si è rivelato un clamoroso fiasco. Così Locke e il suo fedele compagno Jean sono riusciti a malapena a salvare la pelle. Almeno, Jean ci è riuscito: Locke sta morendo, avvelenato in modo lento ma inesorabile da una sostanza che nessun alchimista o dottore può combattere. Ma quando la fine sembra ormai vicina, una donna misteriosa offre a Locke un’opportunità che potrà salvarlo, o ucciderlo.

I pirati dell’Oceano Rosso. Recensione Vol. 2 dei Bastardi Galantuomini

I pirati dell’Oceano Rosso. Recensione Vol. 2 dei Bastardi Galantuomini

Dopo un violento combattimento con la malavita che li ha quasi uccisi, Locke e il suo fedele compare Jean fuggono dalla città in cui sono nati e approdano agli esotici lidi di Tal Verrar per curarsi le ferite. Ma neppure all’estremità occidentale del mondo civilizzato possono riposare, e presto tornano a dedicarsi a ciò che sanno fare meglio: rubare ai ricchi e intascare il ricavato.

Gli inganni di Locke Lamora. Recensione Vol. 1 dei Bastardi Galantuomini

Gli inganni di Locke Lamora. Recensione Vol. 1 dei Bastardi Galantuomini

Nella misteriosa città di Camorr un orfano ha vita dura, e spesso breve. Ma il giovane Locke Lamora riesce a eludere la morte e a non farsi catturare come schiavo, fino a diventare un furfante provetto sotto la tutela del Forgialadri, un talentuoso artista della truffa. A capo della banda di fratelli dalle dita leste, noti come Bastardi Galantuomini, Locke diventa presto celebre, e si fa beffe persino del più temuto re della malavita. Ma tra le ombre si annida qualcuno di ancora più ambizioso e micidiale. Di fronte a un sanguinoso colpo di stato che minaccia di distruggere qualunque persona o cosa che abbia un senso nella sua esistenza, Locke giura di sconfiggere il nemico al suo stesso gioco crudele. Costi quel che costi.

Lascia un commento…

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

scroll-top

Pin It on Pinterest

Share This